english

Franco e Michele Lizzi – MGF MOTORHOME S.r.l.

CamperIl Sig. Franco Lizzi ha una lunga esperienza nel mondo dei veicoli così detti ricreazionali (dall'inglese Ricreational Vehicle). La sua carriera professionale inizia negli anni '60, quando ancora non esistevano i camper, in LAVERDA, ditta italiana produttrice di roulotte. Poi e passato poi alla TRIGANÒ come responsabile tecnico per l'Italia. Nel 1978 ha aperto la sua attività, con sede già allora a Peschiera Borromeo. L'MGF è nata come officina per la riparazione, modifica e personalizzazione di roulotte e camper. Negli anni si è affermata specializzandosi nella personalizzazione dei camper. Nell'azienda ha avuto e ha un ruolo importante il figlio del Sig. Lizzi, Michele, che dai primi anni '80 si è unito al padre nella conduzione della MGF. La MGF ha un parco di alcune migliaia di clienti fedeli e soddisfatti, in tutta Italia come all'estero.
Franco e Michele Lizzi lavorano con passione artigianale. E da sempre rappresentano un punto di riferimento per chi vuole ottenere il massimo dal proprio camper. La parola quindi ai Sig. Lizzi, padre e figlio, per parlarci della complessa problematica delle batterie montate sui camper. Al giorno d'oggi i camper sono equipaggiati con tanti e tali accessori da superare in quantità e sofisticazione quelli normalmente presenti nelle case più moderne. Il risultato è che le batterie, in particolare quelle per i servizi di bordo, sono chiamate a fornire sempre più energia e per periodi sempre più lunghi.
Le batterie sono dunque un elemento importante, direi fondamentale, per il buon funzionamento del camper. Se scelte e dimensionate in maniera corretta permettono al camperista di godere in maniera serena ed ottimale di tutto l'equipaggiamento di bordo. In caso contrario, possono costituire un problema fastidioso e costoso.
Per capire perché, analizzeremo i tre elementi fondamentali di cui occorre tenere conto quando si parla di batterie:
1°: scelta del tipo di batteria da montare;
2°: corretto dimensionamento, in funzione delle utenze;
3°: procedure di carica e manutenzione richiesta.

1°. Scelta del tipo di batteria
Camper neveIn un camper sono presenti due distinti tipi di batterie: la batteria per avviare il motore e quella (in alcuni casi è più d'una) per i servizi di bordo. Si tratta di batterie molto diverse, sia per costruzione sia per prestazioni.
La batteria d'avviamento serve, come dice il nome, ad avviare il motore. La scelta di una batteria di questo tipo dipende da come e quanto si prevede di utilizzare il camper. Se ad esempio il camper rimarrà fermo durante lunghi intervalli di tempo, la batteria può soggetta ad autoscarica e solfatazione. È quindi consigliabile, a meno di un utilizzo frequente del camper, scegliere batterie che grazie a tecnologie costruttive particolari (griglie in lega Piombo/calcio) mantengono più a lungo la carica.
Questo implica una spesa iniziale maggiore che si traduce però in un risparmio certo nel tempo grazie alla minore frequenza di sostituzione. Per quei camperisti che parcheggiano il loro camper in montagna durante le vacanze invernali è consigliata l'installazione di batterie ad altissimo spunto, che mettono a disposizione correnti importanti anche in condizioni climatiche molto severe.
Le batterie per i servizi di bordo devono rispondere alla richiesta di corrente di tutti gli accessori presenti sul camper. In funzione di come è equipaggiato e da come è usato, gli assorbimenti possono essere minimi o superare anche 30/40 Ampere.
Occorre subito precisare che la batteria per i servizi di bordo caratteristiche costruttive diverse da quella per l'avviamento motore. Impiega leghe diverse per le griglie e le piastre sono formate con miscele chimiche appositamente studiate.
Sul mercato sono disponibili batterie per i servizi di bordo in tre tipologie differenti:

  • quelle tradizionali, Piombo/Acido con elettrolito allo stato liquido;
  • quelle sigillate, senza manutenzione ad acido assorbito;
  • quelle al GEL, sigillate, senza manutenzione, con l'elettrolito allo stato di gel.
I modelli sigillati hanno indubbi vantaggi. Primi tra tutti il fatto che sono senza manutenzione ed esenti da emissioni di vapori d'acido quando sono in carica. L'installazione però presuppone particolare attenzione al metodo e ai parametri di carica, che devono seguire procedure adatte a non danneggiare rapidamente e irrimediabilmente queste batterie.

2°. Corretto dimensionamento
Il corretto dimensionamento della batteria dei servizi è un punto essenziale per un sereno utilizzo del mezzo. I camper escono dalla fabbrica con una dotazione sia di batterie sia di accessori standard, adatte a clienti "standard" che utilizzano il camper in maniera "standard". Pochi però utilizzano il camper in maniera "standard": alcuni clienti arricchiscono l'equipaggiamento originale, altri usano il camper lontano dai campeggi organizzati, altri lo parcheggiano per tutto il periodo invernale in montagna, altri in luoghi molto caldi, ecc.
Insomma, ogni camperista ha le sue "caratteristiche" e la batteria deve andare incontro alla sue particolari esigenze. Spesso i clienti lamentano basse autonomie, durate limitate, odori acidi all'interno del camper, ecc. In MGF cerchiamo di affrontare il problema con il cliente: vogliamo capire cosa si aspetta e come usa il camper, poi esaminando l'equipaggiamento esistente e tutto l'impianto elettrico, a partire dai cablaggi. E una volta calcolato il dimensionamento della batteria necessaria, consigliamo al cliente il tipo di impianto ed infine la batteria giusta da installare.
Il punto di partenza è sempre l'esame dell'equipaggiamento del camper, per il quale compiliamo insieme al cliente una tabella indicando per ciascun accessorio l'assorbimento e i tempi di utilizzo effettivo.
A titolo esemplificativo, riportiamo di seguito due esempi relativi ai consumi di un camper usato durante il periodo invernale e durante il periodo estivo.

Consumo medio durante il periodo invernale
Tipo di assorbimento Ampere Tempo (ore) Capacità assorbita Ah
Capacità assorbita (rif. Ah 20 ore)
Luce Dinette 1,6 4 6,4
8,3
Luce Toilette 1,75 0,5 0,87
1,5
Luce Esterna 1,75 0,5 0,87
1,5
Luce Mansarda 0,83 1 0,83
1,5
Luce Letto a Castello 1,66 1 1,66
2,9
Pompa dell'Acqua 3 0,2 0,6
1,05
Boiler 0,08 3 0,24
0,3
Ventilatore Soffitto 1,6 0,5 0,8
1,4
Ventole Frigorifero 0,6 0,5 0,3
0,5
Ventola Stufa 1 24 24
24
Cappa Aspirante 0,5 1 0,5
0,9
TV 3,75 3 11,25
15,2
Consumo medio durante il periodo estivo
Tipo di assorbimento Ampere Tempo (ore) Capacità assorbita Ah
Capacità assorbita (rif. Ah 20 ore)
Luce Dinette 1,6 2 3,2
4,8
Luce Toilette 1,75 0,25 0,4
0,7
Luce Esterna 1,75 2 3,5
5,2
Luce Mansarda 0,83 1 0,83
1,5
Luce Letto a Castello 1,66 1 1,66
2,9
Pompa dell'Acqua 3 0,3 0,9
1,6
Boiler 0,08 2 0,16
0,23
Ventilatore Soffitto 1,6 3 4,8
6,5
Ventole Frigorifero 0,6 5 3
3,7
Cappa Aspirante 0,5 1 0,5
0,9
TV 3,75 2 7,5
11,2

Compilate le tabelle, alcune formule matematiche, mediate con la nostra esperienza di tanti anni, ci porta a dimensionare la batteria per il nostro cliente. Quindi l'osservazione del mezzo, dell'alloggiamento e dei cablaggi ci fornisce le ultime informazioni per individuare con sicurezza il tipo e il modello giusto per il nostro cliente.
È un servizio che possiamo fornirvi anche via e-mail. Per contattarci, scriveteci a: info@sironibatterie.it, indicando con il maggior dettaglio possibile il modello, il tipo di utilizzo del camper e la relativa strumentazione di bordo. Vi daremo una risposta nel giro di pochi giorni.

3°. Procedure di carica e manutenzione
Una carica completa e corretta è l'elemento essenziale per le migliori performance di una batteria. Mentre la batteria d'avviamento, difficilmente viene scaricata a fondo ed utilizza ad ogni avviamento una modesta percentuale della propria capacità, la batteria dei servizi di bordo è sottoposta a severi cicli di scarica. Se quindi non è mai un problema riportare a piena carica la batteria d'avviamento, per la batteria dei servizi il procedimento è più complesso, soprattutto se è posta in parallelo con la batteria di avviamento.
Sui camper la carica delle batterie viene normalmente effettuata nei seguenti modi:

  • con l'alternatore, quando il motore è in moto. Si caricano in parallelo sia la batteria d'avviamento sia quella dei servizi. Ma mentre la batteria d'avviamento si carica rapidamente, quella dei servizi, generalmente più scarica, ci mette più tempo e, a meno di usare un ripartitore di carica, raggiunge una livello di carica quasi sempre non completo, anche viaggiando e mantenendo il motore acceso per molte ore.
  • con i pannelli solari, che agiscono generalmente solo sulle batterie dei servizi di bordo, e che costituiscono un valido elemento complementare agli altri sistemi di carica presenti sul camper.
  • con il carica batteria ausiliario. Anch'esso agisce sulle batterie dei servizi. I camper moderni sono dotati di apparecchi sofisticati: elettronici e completamente automatici. Alcuni modelli sono anche regolabili in funzione del tipo di batteria: Piombo/acido con elettrolito liquido, ad acido assorbito e al GEL. Chi fa campeggio libero può collegare il carica batterie ad un piccolo generatore ausiliario. Chi invece si ferma in campeggio, può attaccarlo alle prese di corrente esterne. È importante sottolineare che un carica batteria adatto permette di ottenere le massime performance dalla batteria e di preservare quest'ultima da danneggiamenti precoci. Noi della MGF consigliamo di usare sul vostro camper un apparecchio elettronico ed automatico.

Ed ora, alcuni consigli sulla corretta manutenzione delle batterie che nascono dalla nostra esperienza sul campo:

  • Quando lasciate il camper fermo per un lungo periodo (rimessaggio) staccate un polo di ciascuna batteria: questo eviterà che le batterie si possano scaricare a causa di assorbimenti non previsti e dovuti a malfunzionamento dell'impianto elettrico. Sono anche in commercio dei piccoli dispositivi, comandati da chiavi, che agiscono da stacca-batterie,
  • Controllate il livello del liquido delle batterie una volta al mese: se è basso operate un rabbocco iniziale con acqua distillata. Quindi verificate il livello quando le batterie sono state completamente caricate ed eventualmente aggiungete un poco di acqua distillata in modo che gli elementi interni siano coperti. Ricordate di non aggiungere mai acido solforico: il rabbocco delle batterie va fatto sempre e solo con acqua distillata. Durante la fase carica si producono delle miscele gassose potenzialmente esplosive: tenete quindi distanti dalla batteria scintille o fiamme libere (es. accendini, sigarette,…). È infine indispensabile che le batterie vengano caricate in ambienti con circolazione d'aria (a meno di usare i modelli sigillati ad acido assorbito o la GEL),
  • Mantenete le batterie asciutte e pulite, in particolare in corrispondenza dei poli, che dovete verificare essere ben collegati ai morsetti, e possibilmente coperti da un velo di vaselina. Controllate che i tappi siano chiusi e che non vi sia alcuna perdita di liquido,
  • Quando il camper rimane fermo per un lungo periodo (rimessaggio), caricate le batterie, in particolare quelle dei servizi, almeno una volta ogni due mesi.

Se non è stato così, non esitate a contattarci al nostro indirizzo e-mail. La nostra filosofia è "il prezzo si dimentica, la qualità resta". Per questo vogliamo promuovere soluzioni di qualità mettendo a disposizione di tutti le nostre conoscenze e la nostra esperienza. Anche di chi non è nostro cliente.
Speriamo con questo di aver detto tutto e di aver soddisfatto ogni vostra curiosità.